NomentanoToday

Le bancarelle di via Ravenna delocalizzate, ma solo di un passo: "impossibile" spostarle dietro al Policlinico

I banchi trasferiti di qualche metro o dietro l'angolo, la soluzione non soddisfa a pieno negozianti e residenti. Il Municipio II: "Progetto condiviso, obiettivo è decoro"

Non più in via Lancisi insieme ai colleghi che per anni hanno sostato su viale Regina Elena proprio davanti al Policlinico Umberto I, le bancarelle di Largo Ravenna restano a Largo Ravenna: delocalizzate sì, ma solo di qualche metro. 

Le bancarelle di via Ravenna restano a via Ravenna

Se per quattro dei sei banchi di via e largo Ravenna è stato stabilito il trasferimento di qualche centinaia di metri, rimanendo sempre nell'orbita di piazza Bologna (via Livorno, via Catanzaro, viale delle Province e piazza Lotario), per due lo spostamento è questione di numero civico: messi giusto qualche passo più in la. Dal civico 3 al 2 di Largo Ravenna il banco fisso da 8 metri quadri, sempre all'angolo tra largo Ravenna e via Ogliastra il banco a scala da 1,6 metri quadri. 

Una soluzione, quella contenuta nella Delibera di Giunta del II Municipio del 3 gennaio, che ha scontentato più di qualche negoziante e residente che, dopo anni, sognavano la strada del quartiere sgombra da furgoni in sosta, panni appesi e marciapiedi occupati dalle bancarelle. 

Banchi di via Ravenna: lo spostamento "impossibile" a via Lancisi

Impossibile attuare lo spostamento dei banchi di via Ravenna a via Lancisi, come inizialmente previsto. "Nella delibera predisposta dall’ex assessore municipale al commercio Andrea Alemanni - spiegano dal Municipio II la minisindaca Francesca Del Bello e il nuovo assessore al commercio, Valerio Casini - non erano state inserite tre postazioni site in viale Regina Elena, proprio quelle che presentavano maggiori criticità perché collocate in prossimità dell’ingresso del Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I. Per ovviare a questa grave mancanza,  la Giunta municipale ha deliberato immediatamente l’integrazione di queste tre postazioni che sono state definitivamente delocalizzate a luglio dello scorso anno, superando anche il ricorso proposto dagli interessati che è stato respinto dagli organi giudiziari".

Il progetto del Municipio II sui banchi di via Ravenna 

Così, in seguito alla modifica delle dimensioni degli stalli di via Lancisi, come richiesto dal Dipartimento, e l’integrazioni delle ulteriori tre postazioni, i posteggi disponibili sulla stessa via sono diminuiti rendendo impossibile la delocalizzazione di altre soste.

"Questo ha comportato la necessità di rielaborare un nuovo progetto per la ricollocazione delle soste di largo e via Ravenna su cui  abbiamo immediatamente avviato un percorso di confronto con le associazioni di settore e i commercianti che avesse come obiettivo la salvaguardia del decoro ma anche del lavoro degli operatori ambulanti autorizzati e delle stesse attività commerciali" - sottolineano Del Bello e Casini. 

Lo confermano anche i commercianti di piazza Bologna: "Con l’Amministrazione Municipale ci siamo confrontarti più volte in questi ultimi 6 mesi per affrontare le problematiche connesse allo spazio occupato  dalle postazioni di Largo Ravenna e Via Ravenna, non più idoneo per ragioni di sicurezza sia veicolare che pedonale. La Deliberazione della Giunta n.1 del 2020 - scrivono - è stata la soluzione migliore per ottenere un immediato spostamento, impegnandosi che in futuro, come concordato con l’assessore, non solo nel nostro quadrante, si potrà definire e trovare aree a disposizione delle soste di tutto il Municipio". 

Le bancarelle del II Municipio in cerca di spazi

Si perchè almeno su due postazioni, quelle di via Ravenna 40 e 46, dovrà esprimersi il Dipartimento Commercio, ma il lavoro è in itinere su tutto il territorio del Trieste-Salario-Lanciani. Ad essere trasferite dovranno essere anche quelle del piazzale ovest di stazione Tiburtina, dove è in corso l'abbattimento della Tangenziale Est. 

"Con lo stesso impegno e la stessa trasparenza procederemo per trovare soluzioni condivise per tutte le altre soste del  Municipio che - affermano Del Bello e Casini - dovranno essere sottoposte a interventi di delocalizzazione per rendere più sicuro e dignitoso il nostro territorio”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparito da sei mesi viene trovato mummificato nel vano areazione dell'ospedale

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi e comunicazioni alle Asl. Tutto quello che c'è da sapere

Torna su
RomaToday è in caricamento