NomentanoToday

Occupazioni, Del Bello: "Servono risposte vere, Raggi applichi la delibera regionale"

Da viale delle Province a Policlinico, tour dell'assessora Colmayer

L'occupazione di viale delle Province (immagine di repertorio)

"Chiederemo al Campidoglio di intervenire e di spiegarci quali sono le misure che intenderà assumere. Perché quello che abbiamo visto a piazza Indipendenza non deve più accadere". La presidente Francesca Del Bello, e l'assessora alle Politiche Giovanili, Lucrezia Colmayer, sono entrate questo pomeriggio nelle occupazioni del II Municipio. "Vogliamo fare il punto della situazione e capire quali sono le necessità e i bisogni delle famiglie che vivono al loro interno" ha spiegato a Romatoday Del Bello. "Il delegato alla sicurezza del Campidoglio, Marco Cardilli, ha parlato di nuovi sgomberi e alcuni dei palazzi in cima alla lista sorgono proprio nel nostro municipio".

Al tour insieme ai movimenti per il diritto all'abitare ha partecipato solo l'assessora, con la minisindaca che si è intrattenuta poco tempo in una delle occupazioni per altri impegni istituzionali. Tre gli immobili del territorio interessati dalla visita istituzionale: gli ex uffici dell'Inpdai di Viale delle Province 196, il palazzo di proprietà di una banca in via del Policlinico 137 e l'ex palazzo Inpdap di Corso Italia 108. E gli sgomberi, almeno per due di questi stabili, sono visti come imminenti.

"Ovviamente esiste il problema relativo al diritto della proprietà di poter rientrare in possesso di un bene" continua Del Bello "ma da un punto di vista sociale è impesabile gestire gli sgomberi come è accaduto a via Curtatone dove su 800 occupanti solo un centinaio di persone hanno ottenuto una risposta". Per la presidente bisognerebbe attuare la delibera regionale: "E' uno strumento che rende possibile dare delle risposte vere a queste persone. Ricordo che molti dei bambini che vivono nelle occupazioni frequentano le scuole del territorio. Che fine hanno fatto i finanziamenti messi a disposizione dalla Regone? Questa città deve iniziare ad avere politiche serie sui temi sociali e affrontare i problemi nella loro complessità".

Non si tratta solo delle occupazioni. "Nel nostro territorio vivono tante famiglie in stato di indigenza, cittadini costretti a chiedere la carità perché la pensione non basta ad arrivare alla fine del mese. Anche quanto accaduto a Villa Borghese è sintomo di un problema più vasto che interessa tutto il nostro territorio. Non è accettabile che la gente viva per strada. E le amministrazioni pubbliche devono fare la loro parte. Per questo faremo il punto della situazone e poi chiederemo al Campidoglio di dirci che misure intendono prendere per far fronte a questa situazione". 

Gli immobili confiscati alla criminalità organizzata, per Del Bello, "non solo la soluzione". Tra i 'papabili' nel II Municipio figurano una palazzina in via dei Reti e in via Adelaide Ristori. "Questi spazi vanno riqualificati e non è chiaro a chi spetterebbe la gestione. Per loro natura questi immobili dovrebbero avere finalità diverse e comunque non rappresenterebbero una soluzione definitiva per quanti vivono in emergenza abitativa". 

"Le occupazioni del II municipio sono 'antiche', esistono da un minimo di 5 anni fino a 12. Sono abitate da persone ormai radicate nel territorio, senza alcun contrasto con la cittadinanza" dichiara l'assessora Colmayer al termine della 'visita'. "I tanti bambini presenti, tra i 50 e i 60 a stabile, vanno tutti nelle scuole vicine. Possiamo dire che queste persone sono a tutti gli effetti abitanti del II Municipio e come tali abbiamo l'obbligo di tutelarli". 

All'assessora è stato consegnato un autocensimento: "Sono tutte persone che hanno occupato per necessità economiche, la maggior parte è in attesa di una casa popolare. Molti lavorano con contratti regolari e si sono detti disponibili ad avviare percorsi con gli assistenti sociali. Nonostante la mancanza di risorse e la necessità di rispettare la legalità, quando si tratta di vite umane non si può girare la testa dall'altra parte: per questo il municipio si muoverà per evitare qualsiasi sgombero violento e per trovare una soluzione che non contempli la divisione dei nuclei familiari".

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

Torna su
RomaToday è in caricamento