NomentanoToday

Stupro all'ambasciata somala, le prove: liquido seminale e il racconto della ragazza

Dall'incidente probatorio sulla violenza di via dei Villini è emerso che il liquido seminale sul cappotto della vittima corrisponde a quello dell'autore dello stupro. Il racconto della ragazza conferma le accuse

Tracce di liquido seminale sul cappotto della vittima, riconducibili ad uno degli autori dello stupro, e il racconto della ragazza che conferma le accuse. Questo è quanto emerso nel corso dell'incidente probatorio sulla violenza sessuale ai danni di una ragazza italiana di 20 anni avvenuta lo scorso 25 febbraio all'interno dell'ex ambasciata somala di via dei Villini che, in seguito al fatto, è stata murata.

Per quella violenza sono stati arrestati due cittadini somali. Nel corso dell'atto istruttorio la ragazza ha raccontato cosa avvenne quella sera. Dopo aver litigato con i genitori, la giovane è uscita di casa e ha incontrato in zona Termini l'uomo che l'ha poi portata nell'ex ambasciata somala di Roma, a due passi dal centro, dove è scattato lo stupro di gruppo.

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • Come vestirsi ad un matrimonio d'estate: consigli di stile

  • Alla scoperta della pole dance: cos'è e dove praticarla a Roma

I più letti della settimana

  • Tragedia a Torvaianica: ragazzo di 17 anni morto affogato in mare

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Meno di 300 euro andata e ritorno da Roma a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Torna #vialibera: domenica 16 giugno a Roma 15 chilometri di strade solo per bici e pedoni

  • Viale Marconi: violentate e picchiate in strada. Aggressore fugge e viene investito

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 15 e domenica 16 giugno

Torna su
RomaToday è in caricamento