NomentanoToday

San Lorenzo, nel 2019 licenze sospese e chiusure per 37 strutture ricettive abusive

Uno dei casi più eclatanti ha riguardato una struttura ricettiva abusiva di via dei Sabelli. Dalle verifiche effettuate è emerso che, nonostante questa fosse pubblicizzata come un appartamento vero e proprio dotato di tutti i confort, era stata in realtà ricavata all'interno di un box auto

Dall'inizio di quest'anno gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Amministrativa del Commissariato San Lorenzo hanno effettuato una serie di controlli a tappeto nei confronti delle strutture ricettive del quartiere.

In particolare sono stati passati al setaccio gli affittacamere, i B&B, le case vacanze e, soprattutto, le cosiddette locazioni turistiche, appartamenti privati affittati a turisti stranieri, a volte, senza nessuna formalità.

All'esito dei controlli molte di queste strutture sono risultate essere completamente abusive, sprovviste sia dell'autorizzazione amministrativa rilasciata dal Comune che dell'abilitazione al portale 'Alloggiati Web' rilasciata dalla Questura.

Su 105 attività verificate, 48 sono state contravvenzionate per un totale di oltre 91 mila euro. Ben 42 gestori sono stati segnalati alla Procura della Repubblica per non aver comunicato le generalità degli ospiti all'Autorità di Pubblica Sicurezza, con gravi ripercussioni, in un periodo di massima allerta contro il terrorismo, per la sicurezza dello Stato e l'incolumità dei cittadini.

Proprio per tali motivi, poi, nei confronti di 37 di queste attività sono stati adottati altrettanti provvedimenti di sospensione della licenza o, in alcuni casi, di cessazione dell’attività stessa, disposti dal Questore di Roma ai sensi dell'art. 100  del T.U.L.P.S..

affittacamere-2

Il lavoro si è sviluppato con una capillare attività di analisi che ha permesso di incrociare i dati presenti nelle banche dati in uso alle Forze di Polizia e quelli forniti dal Comune di Roma, con le strutture ricettive pubblicizzate su noti portali di offerta turistica (AIRBNB,  Booking  e  simili) dove spesso, così come di fatto accertato, si  annidano proprio le offerte "illegali". 

Uno dei casi più eclatanti ha riguardato una struttura ricettiva abusiva di via dei Sabelli. Dalle verifiche effettuate è emerso che, nonostante questa fosse pubblicizzata come un appartamento vero e proprio dotato di tutti i confort, era stata in realtà ricavata all'interno di un box auto posto al piano seminterrato di un condominio. Ai malcapitati turisti, quasi tutti stranieri, una volta arrivati in Italia e scoperto l'imbroglio, non restava che accettare tale sistemazione di fortuna.

Un altro gestore, invece, è stato segnalato all'Autorità Giudiziaria per il reato di peculato. Al fine trattenere illegalmente parte di quanto riscosso per conto del Comune di Roma a titolo di tassa di soggiorno, emetteva ricevute fiscali con dati non veritieri.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento