NomentanoToday

Il Comune cancella la scritta per Valerio Verbano: gli antifascisti la rimettono al suo posto

Dopo 'vota Garibaldi' rimosso il murale di San Lorenzo dedicato al giovane di Autonomia Operaia assassinato nel 1980: blitz nella notte per ripristinarla

foto: Csa Astra

Via scritte storiche, ricordi e omaggi in nome del "decoro". Dopo la cancellazione della scritta 'Vota Garibaldi' alla Garbatella, graffito che resisteva sui muri di via Basilio Brollo dal 1948, il Comune ha fatto cancellare il murale di San Lorenzo dedicato a Valerio Verbano, il giovane di Autonomia Operaia assasinato nel 1980. 

Cancellata la scritta di Valerio Verbano

"La rivolta continua, Valerio vive" - la scritta in rosso sui muri del quartiere simbolo della Resistenza cancellata dagli addetti al decoro. 

Una rimozione che ha sollevato aspre critiche.

"Quella di Valerio Verbano è la nostra storia. In nome del decoro il Comune di Roma ha fatto cancellare la scritta in suo ricordo. Al pari di una svastica. Dopo la scritta storica di Garbatella anche il ricordo di Valerio è stato cancellato. Si vuole seppellire la memoria viva della nostra città. Si vogliono seppellire le storie che sono l’anima di Roma. Lo abbiamo già promesso. Saranno le nostre asce di guerra da disseppellire" - hanno scritto appreso della cancellazione da Casetta Rossa

"Vota Garibaldi", cancellata la storica scritta: era alla Garbatella dal 1948

"Come un caterpillar impazzito, nel giro di 24 ore, la Giunta cancella dai muri due testimonianze che, messe insieme, raccontano quasi mezzo secolo di storia romana. E pensare che interi quartieri affondano nel degrado piu' assoluto. Cominciare a fare pulizia con i murales che raccontano la storia della nostra città certo è un passo falso da parte della maggioranza capitolina. Delle due l'una. O la Giunta Raggi ha scarsa memoria storica o non è in grado di istruire il personale addetto al decoro urbano" - il commento del consigliere capitolino del Pd, Marco Palumbo.

Gli antifascisti ripristinano il murale di San Lorenzo

Ma se ridar vita all'originale 'vota Garibaldi' è pressochè impossibile, ignoti nella notte hanno deciso di ripristinare il murale, assai più recente, dedicato a Valerio Verbano. Fondo e scritta bianchi: "Valerio Vive" - lo slogan che ricalca quello del murale storico in via Monte Bianco, proprio sotto l'abitazione della famiglia Verbano. 

"Muri puliti popoli muti, recita un vecchio adagio. Il solerte personale del Decoro Urbano della sindaca Virginia Raggi aveva cancellato la scritta dedicata a Valerio Verbano a largo Passamonti. Ora è di nuovo al suo posto. I muri della nostra città parlano di resistenze e lotte, è inutile cancellarle" - hanno scritto dal centro sociale del Tufello, Astra

E sempre da Montesacro arriva la frecciata alla Giunta Raggi. "Ecco le priorità per il decoro di Virginia Raggi. Togliere a Garbatella scritte storiche ma lasciare al Tufello e Settebagni quelle che inneggiano ai clan e all'odio" - ha scritto l'assessore all'Ambiente, Francesco Pieroni, postando le immagini di uno slogan innegiante agli Spada e una svastica sui muri del Municipio III. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento