NomentanoToday

Le bancarelle lasciano via Ravenna: marciapiedi e vetrine "liberate" dal muro dei banchi

I rotazionali di via Ravenna delocalizzati, l'assessore Casini: "Risultato atteso da anni"

Via Ravenna libera dalle bancarelle. I banchi degli ambulanti che per anni hanno affollato i marciapiedi della strada coprendo le vetrine delle attività commerciali e scatenando le ire dei residenti, esasperati da quella disposizione disordinata e caotica, sono state spostate. Non più in via Lancisi insieme ai colleghi un tempo in sosta su viale Regina Elena, proprio davanti al Policlinico Umberto I, ma rimaste sempre nell’orbita di Piazza Bologna. 

Delocalizzate le bancarelle di via Ravenna

“Dopo un lungo percorso di confronto con le associazioni di settore, i commercianti e i cittadini, oggi sono state delocalizzate le bancarelle a rotazione di Largo Ravenna. Un risultato importante atteso da anni, con l’obiettivo di salvaguardare il decoro e il lavoro degli operatori ambulanti autorizzati e delle stesse attività commerciali” - ha scritto l’assessore al commercio del Municipio II, Valerio Casini.

Dopo il suk intorno al Policlinico via i banchi da via Ravenna: ambulanti spostati ma solo di qualche metro

Via il suk da sotto le finestre dei residenti

E anche se qualcuno nel quartiere attendeva uno spostamento verso lidi più lontani, parte del quartiere plaude al nuovo volto di via Ravenna: “Bellissimo è irriconoscibile. Ero abituata alle bancarelle ed ora mi sembra un nuovo ambiente” - scrive Giuliana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si è finalmente realizzato quanto chiesto da anni: la cessazione del degrado provocato dall’eccessiva a presenza dei banchi ambulanti su via Ravenna. Sporcizia, rumore dei generatori di corrente e dai dischi ad alto volume, illegalità varie perpetrate con arroganza, impossibilità di transito per bambini in carrozzella, persone con handicap ed anziani spero - il commento di Anna Maria - diventino solo spiacevoli ricordi”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento