NomentanoToday

Villa Paolina, stop alle motoseghe: il taglio degli alberi alimenta vecchi timori

Italia Nostra, preoccupata dal rumore delle motoseghe,, invoca i controlli della Sovrintendenza: “Non vogliamo sentire il suono dei martelli pneumatici sul villino vincolato”

La presenza di operai all’interno delle mura di Villa Paolina di Mallinckrodt non è passata inosservata. Terminato il lockdown legato alla fase 1 dell’emergenza Coronavirus, cittadini e comitati hanno ripreso a battersi in difesa dello storico villino.

Italia Nostra suona l'allarme

L’edificio, realizzato negli anni Venti del XX secolo, è circondato da imponenti alberi. Nel suo giardino, la sagoma svettante del cipresso, si accompagna a piante imponenti d’alloro ed a rigogliose chiome di lecci e tigli. Intorno a quegli alberi, però, è stata segnalata un’intensa attività. Italia Nostra non usa molte perifrasi per descriverlo. Secondo l’associazione che mira alla salvaguardia dei beni artistici, naturali e culturali,“nel giardino di Villa Paolina è cominciato l’abbattimento degli alberi”.

Il cantiere nel giardino

Il suono delle motoseghe, contribuisce ad alimentare vecchi timori. In difesa della villa, negli ultimi anni, si sono schierati residenti e comitati. Doveva essere demolita e ricostruita, dalla società immobiliare XXI Aprile che, al suo posto, intendeva realizzare una palazzina di otto piani, due dei quali interrati. Il proposito si è scontrato contro il fuoco di fila di quanti, non essendo riusciti a salvare il palazzetto liberty di via Ticino, si sono dati da fare per salvaguardare almeno l’edificio di largo XXI Aprile. La decisione di apporvi un vincolo, maturata dal Mibact nel 2019, è stata salutata come una vittoria. Ora si teme che, in mancanza di controlli, i propositi edificatori possano tornare a bussare alla porta di villa Paolina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vecchi timori

"Se la sovrintendenza non eserciterà il suo diritto dovere di controllo sui lavori – ha avvertito la sezione romana di Italia Nostra - è questione di giorni ed i cittadini, le Associazioni e i comitati di quartiere che tanto si sono battuti sentiranno il rumore dei martelli pneumatici sul villino vincolato dalla Direzione Generale Archeologia Belle arti e Paesaggio con decreto del 2 settembre 2019”. Vecchi fantasmi sono tornati ad aleggiare nel centenario giardino di via XXI Aprile. All’amministrazione il compito di dissipare ogni sospetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento